Collettivo Fotosocial presenta: Ruta Migrante

Il Messico dei migranti e i muri degli USA. La “prima” del progetto Ruta Migrante, del Collettivo Fotosocial, è per il festival RITMI E DANZE DAL MONDO 2016 di Giavera del Montello.

Per la prima volta, dal 03 al 05 Giugno 2016 presso la villa Wasserman a Giavera del Montello, viene esposto Ruta Migrante, il nuovo lavoro fotografico del Collettivo Fotosocial, gruppo di fotografi castellano di fotografia sociale che dal 2008 ci mette in discussione di fronte ad altre realtà, travisate, sconosciute, che il Collettivo Fotosocial sa cogliere per mezzo della fotografia, attraverso una metodologia basata su una forte propensione all’ascolto e al dialogo.

Ruta Migrante è un reportage che rilegge un progetto iniziato nel 2012 sui migranti deportati dagli USA al Guatemala, nell’Aeroporto Militare La Aurora di Ciudad Guatemala, con un lavoro di Dario Antonini.
Proprio da qui è ripartito il nuovo progetto, che ha seguito il flusso migratorio verso il Rio Suchate, e da Tecùn Umàn a Tapachula, Messico, dove inizia un calvario di migliaia di kilometri, tra umidità, polvere e ferrovie. Continuato per Arriaga e Ixtepec, dove il caldo soffocante veniva interrotto solo dal grido della Bestia, il treno merci che “ospita” i migranti in rotta verso il Nord.
Il documentario di Dario Antonini e Luca Toffolon segue tra la popolazione messicana, che si ostina a sostenere ciò che non cura lo Stato. Un esempio su tutti, le Patronas di Amatlan, donne che continuano a lanciare cibo su ogni treno che passa per lo stato del Veracruz. Ogni giorno, ogni treno. Da vent’anni.
Un altro capitolo è dedicato al Districto Federal e la burocrazia delle ambasciate. Documenti e asilo politico. Un tema non nuovo al Collettivo Fotosocial.
Poi ci sono le frontiere.
Dal Rio Bravo di Nuevo Laredo al deserto di Mexicali, al muro di Tijuana.
E di là, di nuovo gli USA, pronti ad una nuova caccia al topo. Pronti a nuove deportazioni.

colletivo-fotosocial-ritmi-danze-mondoDopo gli ultimi successi del Collettivo Fotosocial in Europa e in Italia (ospiti del Perugia Social Photo Fest 2016) con “Cargar, scargar dalla montagna. I pascoli Migranti” di Luca Toffolon, presentato all’Expo di Milano al Padiglione di Sloow Food e pubblicato in un libro, e di “Fuori, dentro, sotto Bucarest”, lavoro esposto a Venezia, Perugia, Zagabria e vincitore, con Massimo Branca, di prestigiosi premi, il Collettivo Fotosocial torna a relazionarsi con il pubblico della fotografia e non, cercando con la loro affermata metodologia di condividere storie, emozioni e frammenti di vita per mettere gli uomini in condizione di accorgersi gli uni degli altri.

A sostegno dell’esposizione Ruta Migrante, sarà esposto anche il progetto La foto nello zaino, di Terrefotolab, laboratorio di fotografia terapeutica e partecipativa, che, attraverso interventi di mediazione artistica con fotografia e video, è riuscita ad avvicinare i migranti alla narrazione della propria migrazione a partire dalle fotografie che gli stessi conservano per il viaggio.

ARTE FUORI ROTTA LAB

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

ARTE FUORI ROTTA LAB un nuovo spazio animato da artisti e designer dove il pubblico potrà sperimentare originali tecniche artistiche.

Sarà presente per tutta la giornata di sabato 4 e domenica 5 giugno, ecco cosa vi aspetta:

  • Stampa poster e cartoline con caratteri mobili (La’Mas+Paolo Cerotto): Lasciati contagiare dall’atmosfera del festival e fermati un attimo a comporre e stampare da te il tuo poster o cartolina personalizzato!
  • Ombrelli smarriti acquistano nuova vita in shopper e mantelline x bimbi (Laploe) se sai cucire, o anche no! La disegner Laploe ti aiuterà a confezionare il tuo originalissimo manufatto ricavato da un ombrello perso a Venezia!
  • mappe personali per viaggiare con la mente (C.E.M.E.A) costruisci la tua mappa… decidi una nuova rotta…
  • Serigrafia “fai da te” se porti una T-shirt (Squeegee Boom) porta la tua T-shirt o quello che vuoi e stampa il logo 2016 di Giavera con gli artisti Squeegee Boom!!!!!!
  • Stelle Clandestine con il riuso di vecchie carte (Casa Accoglienza Giavera)
  • Valige “fuorirotta” dipinte dal vivo! Porta la tua valigia e lasciala in buone mani … durante il festival verrà dipinta dalla nostra Creativa Chiara e dai ragazzi della Casa Accoglienza di Giavera!!!
  • GEO-Scatole: 8 fogli d’Atlante, piegati e assemblati in una scatola, semplice? Vieni a provare con i nostri maestri Fuori-rotta…
  • CHARLOTTERIE  modificare la grafia di una carta attraverso la pittura libera…
  • e tanto altro ancora…

E per la prima volta al festival in esclusiva solo per sabato … le Artiste della GUGGENHEIM: Virginia di Lazzaro e Giulia Filippi!

Laboratori:

  • sabato mattina 10.30 – 12.30 “MEMBATIK” per bambini 4/6 anni e “VICINOLONTANO” per adulti (per chi desidera, possibilità di pranzo al costo di € 5)
  • Sabato pomeriggio dalle 17.00 – 19.00 “MEMBATIK” ragazzi 8/12 anni e “VICINOLONTANO” per adulti.

Prenotazioni laboratori (COSTO € 5 ) al tel: 3355665877 – mail: mion.michela@gmail.com

[/vc_column_text][vc_media_grid element_width=”2″ grid_id=”vc_gid:1464197914247-5943c3f7-07ed-9″ include=”935,936,937,1011,1010,1014,1015,1016,1017,1018,1012,1019″][/vc_column][/vc_row]

LABORATORI ARTE CON VIRGINIA DI LAZZARO E GIULIA FILIPPI

Per la prima volta al festival in esclusiva solo per sabato 4 giugno, le artiste collaboratrici della Collezione Guggenheim di Venezia: Virginia di Lazzaro e Giulia Filippi.

I laboratori:

VICINOLONTANO – Laboratorio per adulti

“Disegnare è come portare una linea a fare una passeggiata” Paul Klee

Attraverso questo laboratorio indagheremo le relazioni tra linea e civiltà, come fece l’artista Anni Albers, che nei suoi disegni esprime queste conoscenze gestendo il segno come un gesto continuo, come il filo delle sue tessiture.
Lo scopo del laboratorio è la creazione di un disegno attraverso il “viaggio fantastico” di una linea di matita su una mappa virtuale fatta di culture, architetture, motivi, luoghi e paesaggi.

MEMBATIK – Laboratorio per bambini dai 4 anni

“Chi impara realmente a vedere si avvicina all’invisibile” Paul Celan

Attraverso questo laboratorio scopriremo cos’è una legenda e utilizzeremo i suoi simboli per costruire un viaggio.
Lo faremo sperimentando l’antica tecnica del batik, utilizzata da molte popolazioni dall’Oriente all’Africa, per la tintura della stoffa. Disegneremo il foglio con una pittura invisibile, che rivelerà il disegno solo dopo l’immersione in una soluzione colorata.

I laboratori si svolgeranno sabato mattina 10.30 – 12.30 “MEMBATIK” per bambini 4/6 anni e “VICINOLONTANO” per adulti

(per chi desidera, possibilità di pranzo al costo di € 5)

LABORATORI Sabato pomeriggio dalle 17.00 – 19.00 “MEMBATIK” ragazzi 8/12 anni e “VICINOLONTANO” per adulti.

Prenotazioni laboratori (COSTO € 5 ) al tel: 3355665877 – mail: mion.michela@gmail.com

Le foto del capodanno RDM

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Un ringraziamento di cuore a chi ha salutato con noi il nuovo anno.
Abbiamo ricevuto complimenti da tantissime persone e la loro gioia è stata davvero grande.
Questo è Ritmi e danze dal mondo, un’occasione di incontro e di scambio tra persone di diverse culture, un’energia fatta di aggregazione e partecipazione.

Qui sotto alcune immagini, per vedere l’album in facebook con tutte le foto del Capodanno 2016 clicca qui

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_masonry_media_grid element_width=”2″ grid_id=”vc_gid:1461446232924-f72e8637-9ab2-4″ include=”703,704,705,706,707,708,709,710,711,712,713,714″][/vc_column][/vc_row]