[vc_row css=”.vc_custom_1461493346004{padding-top: 15% !important;padding-bottom: 7% !important;background-color: #e86e1e !important;background-position: center !important;background-repeat: no-repeat !important;background-size: cover !important;}” background_style=”normal” font_color=”#ffffff”][vc_column][vc_row_inner type=”boxed”][vc_column_inner][title text=”PROGRAMMA 2016″ tag=”h4″ font=”secondary_font” font_size=”16px” color=”rgba(255,255,255,0.8)” text_align=”center”][title text=”Geo-grafie fuori rotta” font=”secondary_font” font_size=”70px” color=”#ffffff” text_align=”center”][/vc_column_inner][/vc_row_inner][/vc_column][/vc_row][vc_row css=”.vc_custom_1464125316362{margin-top: 50px !important;margin-bottom: 40px !important;padding-right: 7% !important;padding-left: 7% !important;}”][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1464123888892{padding-right: 7% !important;padding-left: 7% !important;}”]

GEO come mondo, come situazione geopolitica attuale che presenta situazioni di crisi e di sfida per tanti popoli. Ma anche GEO come terra, come suolo, casa comune di popoli e persone.

GRAFIE come storie di uomini e donne che abitano questa terra e con le loro vite la solcano e la riempiono… dunque GRAFIE come possibilità per ognuno di lasciare il segno dentro questa storia.

E anche GEO-GRAFIE come mappe mentali, come immaginario delle genti e anche di noi, del nostro territorio, mappe che da un lato sembrano inamovibili, dall’altro sono continuamente ricombinate da ciò che avviene, ai confini e all’interno dei territori stessi.

e FUORIROTTA perché tutte queste storie, queste sensazioni, ci spiazzano, soprattutto in questo tempo, nel quale il muoversi imprevisto di tanta gente, imprevisto per molti, secondo rotte geografiche e culturali che non credevamo possibili, ci portano su piani di vita altri rispetto a quelli che avevamo immaginato e programmato.

Quindi anche noi siamo provocati ad adattarci, con spirito resiliente, a quanto ci va accadendo attorno. Ciò significa affrontare creativamente i mutamenti così veloci di tante GeoGrafie spaziali e culturali, di cui i flussi di persone in migrazione costituiscono una spia potente, ma non unica.

Ciò significa attraversare confini mentali, decidere come muoversi avendo attenzione e rispetto della terra sulla quale si cammina e di chi ci sta attorno. Per poter riuscire a trasformare spiazzamenti, rischi, paure, fatiche in opportunità di futuro condiviso, e non rassegnato, non arreso.

Un cammino di ricerca possibile solo costruendoci come parte di una comunità, facendo crescere comunità di azioni e di scelte attorno a queste possibilità.

[/vc_column_text][vc_btn title=”Clicca qui per scaricare il PROGRAMMA COMPLETO” color=”sandy-brown” size=”lg” align=”center” link=”url:http%3A%2F%2Fwww.ritmiedanzedalmondo.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2016%2F05%2Fprogramma-2016-ritmi-danze-mondo-giavera.pdf||”][vc_single_image image=”931″ img_size=”full” alignment=”center” onclick=”custom_link” css=”.vc_custom_1480365935265{padding-right: 1% !important;padding-left: 1% !important;}” link=”http://www.ritmiedanzedalmondo.it/wp-content/uploads/2016/05/programma-2016-ritmi-danze-mondo-giavera.pdf”][/vc_column][/vc_row]